• Facebook - Black Circle
  • Pinterest - Black Circle
  • Instagram - Black Circle
  • Black LinkedIn Icon

Recupero e ristrutturazioni

Residenza bifamiliare - Loggia B 

2020

PROFILO
Amaz&ing Architecture
Arch. Matteo Zambon

CULTORE DELLA MATERIA

in Architettura presso UNIUD

(Università degli Studi di Udine)

MASTER progettazione e recupero

aree industriali con tecnologia SDSS. 

LAUREA in Architettura, IUAV Venezia.

Regolarmente iscritto all'OAPPC

di Treviso n. 2149

Amaz&ing Architecture si occupa di PROGETTAZIONE ARCHITETTONICA, DESIGN, INTERIOR DESIGN E REALIZZAZIONE RENDERINGS E FOTOMONTAGGI. 

Amaz&ing Architecture è un progetto di ricerca continuo sulla spazialità contemporanea frutto della collaborazione dell'architetto Matteo Zambon (Conegliano, 1976) con una serie di professionisti esperti in vari campi come l'urbanistica, l'ingegneria e l'impiantistica. Ogni singolo progetto, di qualsiasi dimensione o complessità, viene affrontato come caso a sè stante con meticolosa attenzione, andando ad estrapolare le peculiarità del contesto ambientale e sociale in cui andrà ad inserirsi.  La ricerca formale in questo modo diviene frutto della concertazione tra layout funzionale ed inserimento nel contesto. Pulizia dei volumi, istantanea chiarezza del sistema distributivo e dei percorsi, linee riconoscibili ed immediatezza nella comprensione della spazialità sono la nota distintiva del nostro modo di interpretare il progetto architettonico. Di fondamentale importanza è soprattutto rispondere alle esigenze della committenza chiarendo il processo evolutivo del progetto e le conseguenti scelte.

NEWS\EVENTI

Floreo

October 30, 2018

FINALISTA Selezionato dalla scuola Holden

CONCORSO IL MIO ESORDIO 2018

Parallelamente all'attività di architetto ho portato avanti anche la passione per la scrittura (tanto la notte dormo poco). Sono felice di introdurvi in questo misterioso universo parallelo con la pubblicazione di questo primo romanzo giallo...

 

Floréo

Un romanzo giallo di Matteo Zambon

Un anomalo romanzo giallo che attraverso una narrazione intrisa di una forte carica emotiva regala indimenticabili personaggi femminili, trattando temi delicati con grande sensibilità ed empatia. Segui gli indizi ed interpreta le simbologie nascoste tra le righe, scoprendo una pluralità di livelli di lettura, sino alla rivelazione finale.

 

acquistabile da:

http://ilmiolibro.kataweb.it/libro/gialli-noir/325462/floro/

Manhattan Stories

January 12, 2017

Università degli studi di Udine - Dipartimento Politecnico di Ingegneria e Architettura

Prof. Giovanni Tubaro Coordinatore del Corso di Studi di Architettura

Laboratorio Integrato di Progettazione Architettonica 2 Corso di Laurea Magistrale in Architettura
Docenti: Prof. Piotr Bronislaw Barbarewicz - Arch. Matteo Zambon - Prof. Paola Pellegrini

presentano il Seminario:
Manhattan Stories - tre progetti contemporanei a Manhattan
World Trade Center Transportation Hub
(Arch. Santiago Calatrava)
VESSEL - HUDSON YARDS
(Designer Thomas Heatherwick)
THE SHED - PERFORMANCE AND EXHIBITION SPACE
(Architects Diller Scofidio + Renfro)

realizzati dalla Cimolai S.p.A.

Relatrice: Ing. Claudia Pavan Project Manager presso Cimolai S.p.A.
 

Biennale Sessions Time Time !

November 23, 2016

Nell’ambito della “Biennale di Architettura 2016 – Reporting from the front”, nei giorni 24-26 novembre 2016 si sono svolte nelle sedi dei Giardini, dell’Arsenale e del Teatro delle Tese, una serie di attività dal titolo Time Time !, coordinate dal prof. Piotr Barbarewicz, con la partecipazione docenti UniUD e di altri atenei italiani e stranieri.

Gruppo di ricerca N_U

December 31, 2015

Oltre il diagramma: procedimenti notazionali e processi costitutivi, comprensione e progetto dello spazio architettonico. “Architetture-Specchio”: dispositivi spaziali, architetture e infrastrutture reattive nel binomio città/paesaggio.

Responsabile scientifico/coordinatore: Prof. PIOTR BRONISLAW BARBAREWICZ  
Componenti: PEDROCCO PIERO 
Altro personale: Dott.ssa Orietta Lanzarini, dott.ssa Alice Covatta, dott.ssa Francesca Cremasco, dott.ssa Cesira Roselli, dott. Matteo Zambon, dott.ssa Tatiana Merlino 


Settori ERC del gruppo:
SH3_10 - Geographic information systems, spatial data analysis
SH3_9 - Human, social and economic geography
SH5_5 - Music and musicology; history of music
SH5_9 - Social anthropology, myth, ritual, kinship
PE8_12 - Lightweight construction, textile technology

La Montagne de Venise

September 30, 2016

La Montagne de Venise è la terza tappa di un itinerario architettonico di Yona Friedman con Jean-Baptiste Decavèle  in Italia, dopo il Vigne Museumper l'azienda friulana Livio Felluga e No Man's Land - terra di tutti - realizzato a Loreto Aprutino. L’intervento a Venezia si configura come un'azione architettonica realizzata in una delle Tese dell'Arsenale: una struttura di legno di castagno alta più di  sette metri, mobile e trasformabile, ormeggiata su un pontile  galleggiante. La Montagne de Venise navigherà dal 28 al 30 settembre sostando in vari punti della Laguna: Arsenale, Giardini della Biennale, Punta della Dogana, Bacino di San Marco, Zattere, Giudecca, Fondamenta Nove.

L’iniziativa si inserisce nel Programma di eventi DELL’IMMATERIALEpromosso congiuntamente dall’Università Iuav di Venezia e dalla Fondazione Querini Stampalia, per la cura di Chiara Bertola e Renato Bocchi.

Il progetto La Montagne de Venise, ha dato luogo ad un workshop con studenti selezionati dall’Università Iuav di Venezia, assieme agli studenti dell’Accademia delle Belle Arti di Venezia, del Conservatorio B. Marcello, dell’Università degli Studi di Udine (organizzatore prof. Piotr Barbarewicz) e agli artisti in residenza alla Fondazione Bevilacqua La Masa.

Please reload

© 2015 by Matteo Zambon

  • Facebook - Black Circle
  • Pinterest - Black Circle
  • Instagram - Black Circle
  • Black LinkedIn Icon